Quotidiano on line di informazione, documentazione e ricerca socio sanitaria
Aree tematiche
Editoriali
Inchieste
Sanità
SocialeNews
Pari Opportunità
Politiche migratorie
Documentazione e Ricerca
Contropiano
Storie
Movimenti Civici a Palermo
Redazionali
Tutti gli articoli
Archivio articoli



In evidenza
IO NON RESPINGO

Comunicati stampa ed eventi
Comunicati stampa - Agenda del Mese
Rassegna stampa Medeu.it

Cerca nel sito
Ricerca avanzata

Stampa questa pagina

LOCALITÀ ENARCHIA
Precari inutili, il guaio è che i martiri dell'assistenzialismo lo sanno


(24 Luglio 2010) - Si mettono in cerchio, cercano l'anima collettiva che è andata in pezzi da tempo, cantano gonfiandosi vaporosamente il petto. Si sono ingannati e sono stati ingannati. Rivendicano le loro giornate, le loro mesate, le ferie ritardate, le speranze raccomandate,  i precari degli enti locali che non hanno mai negato di trovarsi in quel posto perché raccomandati singolarmente o collettivamente.

A cuore pieno  meritano tutto il rispetto e la solidarietà  possibile, ma è pur vero

che è falso affermare che essi producano qualcosa di utile perché non sono stati contrattualizzati in base ad un Piano Industriale che è l'unico strumento che dimostra l'utilità del personale, né la loro professionalità è stata validata attraverso concorsi pubblici. Sono stati messi là e qua  strategicamente e periodicamente rimescolati come un mazzo di carte affollate.

Il precariato è universalmente riconosciuto come un fenomeno meridionale, frutto di una politica clientelare del ceto politico che da quarant'anni a questa parte a questa ha prodotto frutti acerbi e amari assai in Sicilia. Priva di organizzazione ed efficienza; priva di una selezione dei migliori e più preparati; incapace di realizzare procedure che prevedano provvedimenti in tempi brevi e certi; senza la forza professionale di modernizzarsi rapidamente informatizzando tutte le strutture e le procedure, la burocrazia regionale è una grande nave che occupa ventimila persone senza un porto di destinazione, quindi, senza una rotta in balia delle correnti. Limitata. Zavorrata. Incaponita su una rotta incagliata. A bordo nessuna intelligenza sfoggiante ne stratega strabiliante, una ciurma di questuanti e qualche corsaro volante.

Occorre una grande fantasia per invocare l'Enarchia, l'Elite  della grande competenza che governa con saggezza e uguaglia chichessia. In particolare coloro che non hanno avuto la fortuna di diventare precari sono rimasti disoccupati: che non sono stati salvati dal maxiemendamento ( Lombardo, il governatore, si è giocato peli e capelli senza dare tregua a quelli del continente che l'hanno considerato uno sconsiderato complessato che corre a piangere quando è contrariato mentre, adesso gongola come un bracco liberatosi da un cattivo padrone) che proroga di dodici mesi, ancora, la scadenza del contratto perché non l'hanno mai avuto. Eppure secondo l'articolo 3 della Costituzione, tutti i cittadini precari e disoccupati devono essere trattati allo stesso modo, senza privilegi per alcuni e danni per altri e allora? Meritocrazia o burocrazia? Burocrazia e meritocrazia? Meritocrazia con Democrazia senza Burocrazia?

Esiste risposta che valga? 



Odette Miceli
24/07/2010

Stampa questa pagina

Video



Collegamento sponsorizzato


Spazio pubblicità Medeu.it
Per la pubblicità su questo sito
rivolgetevi a:
infopubblicita@medeu.it

Gli articoli più letti del mese

Riproponiamo

Copyright 2017 Medeu all rights reserved - Realizzazione Siti MarcoMedi@ - Comparatore Prezzi

Logo di conformità W3C HTML 4.0 Transitional. Seguendo il link si richiede la validazione immediata al W3C. Logo di conformità W3C CSS. Seguendo il link si richiede la validazione immediata al W3C.